SERVIZIO PUBBLICO NON SOLO APP

SCIOPERO NAZIONALE TAXI 5-6 LUGLIO 2022

Anche la cooperativa Taxi Torino aderisce allo sciopero indetto a livello nazionale Martedì 5 e Mercoledì 6 Luglio 2022 con il fermo del servizio di 48 ore per protestare contro un decreto legge che – così come è stato pensato, mettendo insieme settori molto diversi tra loro – crea disparità di regole e condizioni tra operatori del servizio pubblico, società private e app internazionali.
L’interruzione del servizio è una scelta dolorosa, in primis per i tassisti, che come lavoratori autonomi, penalizzano se stessi insieme agli utenti. È però anche uno dei pochi strumenti con cui possono evidenziare il proprio ruolo nel trasporto pubblico sia in termini di copertura dell’area metropolitana che di orari (h24 con qualsiasi tempo, 365 giorni all’anno). Un servizio offerto ai cittadini a tariffe municipali, non determinate dunque da algoritmi o fluttuazioni di mercato. I professionisti che si sottopongono a leggi, turni, orari e tariffe comunali, garantendo agli utenti professionalità certificate, veicoli assicurati, efficienza e controllo… chiedono al Governo di completare la riforma già prevista dalla legge 12/19, combattendo l’abusivismo e tutelando – insieme ai lavoratori tassisti anche i consumatori. 
Grazie a tassisti volontari verranno garantiti – come sempre in questi casi – servizi essenziali come trasporto disabili, guardia media, trasporto plasma ecc...

La cooperativa Taxi Torino mette a disposizione dei cittadini un servizio di trasporto pubblico capillare, con una flotta di 1.446 vetture e parcheggi dislocati nei punti strategici della città. Un’opportunità preziosa per chi debba muoversi in sicurezza oggi più che mai che, a differenza di tutti gli altri, garantisce la copertura dell’intera area metropolitana h24 365 giorni all’anno senza interruzioni. E’ questo da sempre il patto tra le municipalità e una categoria di lavoratori che a turno permettono al cittadino di essere assistito nelle sue necessità di spostamento. Compresi i portatori di handicap, la guardia medica o altre realtà per le quali esistono specifiche convenzioni.

Alla comodità della corsia preferenziale – che solo i taxi possono utilizzare insieme agli altri mezzi del trasporto pubblico – si aggiungono forme di abbonamento e voucher prepagati pensati per famiglie e aziende.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram