artintaxi-farina-del-mio-taxi.jpg

TRASPORTO SOCIALE

Un gruppo di tassisti volontari dall'inizio della Pandemia Covid, nella primavera 2020, consegna a diverse istituzioni che si occupano di indigenti pane fresco (ma anche panettoni e ora colombe) realizzato dal ristorante Del Cambio
Hanno celebrato il primo anno di attività in piazza Carignano con tanto di t-shirt “Farina del mio taxi” e “trasporto sociale” creata dagli allievi del CNOS - FAP Valdocco: il centro di formazione professionale Valdocco, diretto erede della prima scuola di arti e mestieri di Don Bosco. Era presente anche Fra Mauro Battaglino, Superiore del convento Sant'Antonio da Padova di Torino e responsabile del Centro Carità Sant'Antonio. https://artintaxi.wordpress.com/e-farina-del-mio-taxi/

taxi-torinosettembre-20196.jpg

VACCINAZIONI TORINO

Fino al 31 Agosto 2021, chiamando uno dei nostri numeri 011-5730 o 011-5737 e precisando al centralino di fare riferimento alla “Convenzione Vaccino”, le persone con disabilità e gli Over 70 che dovranno recarsi ai centri di vaccinazione dell'Unità di Crisi della Regione Piemonte, si vedranno scalare 5 € dall'importo della corsa sia in andata che al ritorno. Taxi Torino offre così alla cittadinanza un trasporto sicuro a prezzo agevolato. 
 
 

taxi-torino-angelaancona-58ph-a-lercara12.jpg

#TASSISTICHEGENTE

Con la rubrica tassistichegente vi raccontiamo dei tassisti torinesi: le loro storie e il loro punto di vista privilegiato sulla città

ANGELA – Ancona 58

Faccio la tassista solo da 6 anni e perlopiù nel turno di giorno.
Anche io ho imparato ad amare la libertà che mi regala questo lavoro e che mi consente di gestire la mia giornata come preferisco.

Mi piace molto chiacchierare con i clienti e ascoltare le loro storie ma ho imparato ad assecondare le esigenze di chi sale a bordo: c’è chi ama parlare e chi invece preferisce il silenzio. Anche a me sono capitati momenti strani e bizzarri durante questi sei anni ma un unico episodio ha veramente lasciato un segno.

Ero alla Stazione di Porta Susa e mancavano 5 minuti dalla fine del mio turno. Lasciai però che salisse un signore che voleva andare all’aeroporto. Dopo aver preso la strada per Caselle notai però che si comportava in modo strano e continuava a guardarsi alle spalle, come se temesse di essere seguito. Pochi minuti dopo mi confidò infatti che temeva per la sua vita e si sentiva in pericolo.

Prima di arrivare all’aeroporto riuscii allora a contattare la centrale la Polizia, che trovammo ad accoglierci a Caselle. In pratica quel povero signore era sì in pericolo, ma perché era scappato da un istituto psichiatrico di Cuneo, senza denaro e senza documenti.
Un’avventura che non dimenticherò facilmente ma che si è conclusa senza incidenti. 

dsc4279.jpg

#TASSISTICHEGENTE

Maurizio, sigla Como 92, è figlio d’arte e fa questo mestiere da 20 anni, proprio come suo padre che ha lavorato su Torino in taxi anche lui per vent’anni.

Preferisce l’orario diurno e ama la libertà che gli permette questo lavoro per poter seguire la sua famiglia. Un vantaggio a cui non rinuncerebbe mai.

In tutto questo tempo ha vissuto momenti davvero particolari, situazioni assurde e divertenti.

"Per esempio qualche tempo fa all’indirizzo indicato dalla centrale vedo una ragazza con alcuni bagagli e 8 o 9 sacchi neri enormi. Probabilmente aveva litigato e se ne stava andando da un appartamento dove conviveva. Dopo un po’ di sbigottimento carichiamo tutto e partiamo. Durante il tragitto però va in panico: ha smarrito il portafogli. Ma è sicura di averlo preso con sé, accosto l’auto e iniziamo a cercarlo svuotando i sacchi uno a uno. Vi lascio immaginare la scena.
Alla fine abbiamo ritrovato il portafogli nell’ultimo sacco. Con pazienza – tanta – abbiamo rimesso tutti i vestiti e le cose a posto e siamo ripartiti".