giovane-donna-che-chiama-taxi20279-2597.jpg

Crescono i vantaggi per gli abbonati

Tenere sotto controllo le spese di trasporto, verificare i percorsi di ogni corsa, gestire i pagamenti con una pratica fatturazione mensile: per aziende e liberi professionisti l'abbonamento al taxi presenta numerosi vantaggi.
Una scelta di mobilità intelligente che consente anche l'acquisto di carnet di buoni da utilizzare in altre città, con le centrali taxi di Milano, Roma, Napoli, Firenze, Padova e Bologna.

Da qualche giorno gli abbonati Taxi Torino hanno a disposizione un'altra novità: l'App TaxiClick easy, dotata di un unico pulsante di chiamata per cancellare i tempi di attesa al centralino. TaxiClick geolocalizza l'abbonato e individua in automatico l'auto più vicina, senza la classica chiamata all'operatore, fornendo poi ulteriori informazioni su sigla e modello del taxi in arrivo.
Al termine della corsa è possibile utilizzare l'app per lasciare una recensione sul servizio, mentre il pagamento avviene con la consueta modalità del saldo a fine mese.  Chi lo desidera può anche scegliere di pagare con carta o contanti.

Un'opportunità per raggiungere velocemente ogni punto della città, anche quelli normalmente chiusi al traffico delle auto, senza lo stress della guida e del parcheggio. In totale sicurezza e a tutte le ore, ogni giorno dell'anno.

TaxiClick Easy è disponibile per dispositivi iOS e Android, anche in versione business per tablet (TaxiClick desk) o computer (TaxiClick PC) ideale per alberghi e uffici.

taxiclick.png

Taxi Click è la nuova app di Taxi Torino

TaxiClick Easy è la nuova App gratuita del servizio di trasporto pubblico Taxi Torino. Disponibile per dispositivi iOS e Android, permette di prenotare il Taxi da smartphone senza passare dal centralino.
L’app geolocalizza l’utente cercando l'auto più vicina. In pratica fa comunque riferimento alla cooperativa Taxi Torino senza però passare dall'operatore.
L’utente può scegliere il tipo di auto (capienza e servizi), nonché se pagare a bordo con carta, contanti o abbonamento. Appena si clicca per chiamare il taxi si visualizza il tempo di arrivo, il numero di licenza del taxi e il modello di auto.
In futuro il cliente potrà anche scegliere un taxi ecologico (elettrico, metano o ibrido).

Semplice e intuitiva, l'App TaxiClick Easy velocizza ulteriormente la prenotazione della corsa ed è disponibile anche in versione business per tablet (taxiclick desk) o computer (taxiclick PC) ideale per alberghi e uffici.
Grazie alla semplicità e all'efficacia altre cooperative si stanno convenzionando e al suo lancio l'app è già attiva a Torino, Alessandria e Bologna.

rittax93.jpg

Una sperimentazione per controllare la qualità dell'aria all'interno delle vetture

Ha preso il via con l'accordo tra Taxi Torino e ARPA Piemonte, la prima sperimentazione che misurerà il livello di inquinamento all'interno delle vetture.
L'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale ha chiesto infatti ai tassisti di diventare "sentinelle dell'inquinamento", sfruttando il punto di osservazione privilegiato di chi attraversa quotidianamente la città in auto. L'obbiettivo è quello di integrare i dati sull'inquinamento esterno e capire meglio la qualità dell'aria respirata da chi guida a Torino.
La sperimentazione - coordinata da Marco Fontana, responsabile del Laboratorio Specialistico Nord Ovest di Grugliasco dell'ARPA - coinvolgerà una ventina di taxi, equipaggiati con speciali centraline che "annuseranno" l'aria dell'abitacolo per 10 giorni.

Una seconda campagna di monitoraggio verrà attivata nel corso dell'estate, per avere un quadro completo della presenza di inquinanti nelle diverse stagioni.

taxi-torino-sergioparigi86ph-a-lercara1.jpg

#tassistichegente: la storia di Sergio. Nome in codice Parigi 86

Nella mia vita precedente ho lavorato nel mondo dell’abbigliamento, sono stato agente di commercio e ho anche fatto il commesso in un emporio gastronomico: insomma, sono sempre stato a contatto con le persone.
Oggi mi ritengo fortunato perché ho avuto ogni volta il privilegio di scegliere il mestiere che volevo fare.
In macchina ho imparato ad assecondare le esigenze dei miei clienti: c’è chi ama parlare e chi invece preferisce il silenzio. Se devo fare un bilancio, però, sono decisamente di più le persone che in taxi amano sfogarsi, raccontare episodi della loro vita, a volte anche chiedere consigli.
Per questo motivo per essere un buon tassista non basta conoscere le strade: bisogna saper ascoltare e cercare di capire chi è seduto sul sedile posteriore.Insomma, essere un po’ psicologi e un po’ confessori.